Un piccolo sogno per volta

Volere sempre di più, quello che ancora non abbiamo.

Una volta avuto, ritorniamo allo stato iniziale, sentiamo il bisogno di altro ancora, perché la gioia è durata un attimo e la tristezza riprende a gran forza.

E’ proprio il dibattito gioia-tristezza che mi fa pensare e ragionare molto.

Non riesco ad arrivarne a capo.

Chi non ha nulla sarebbe felice di avere un pezzo di pane da mordere, esigenza primaria. E poi?

E poi, riparte il circolo vizioso.

La tristezza ti pone in uno stato di continua esigenza, di continua irrequietezza, per cui non riesci a godere a pieno di quello che hai ricevuto. Continua a leggere

Annunci