Sospesa e libera

preview

Mi sento sospesa.
Sospesa tra il dire e il fare.
Sospesa tra l’essere e l’avere.

Quante volte ci troviamo a far pugni con la nostra coscienza, quella coscienza che vuole emergere prepotente?
La società ci istruisce bene, noi dobbiamo essere finzione. Dobbiamo credere a questo e a quello.

Dobbiamo vestirci, profumarci, divertirci seguendo regole rigide, entro le quali noi, da bravo gregge, ci ritroviamo al sicuro.

La televisione è un insegnante subdolo. E’ uno specialista in ipnosi.
Tutto ciò che viene trasmesso è immagazzinato nel nostro cervello e decodificato alla perfezione.

Non te ne puoi accorgere, è un mostriciattolo silenzioso che si appropria di te e ti suggerisce come vivere la tua vita.

Il mio televisore si è rotto:  42 pollici, al plasma, il mio compagno di avventure.
Senza tv? No, non potrei vivere.
Disperata ho pensato di chiamare immediatamente un tecnico per farlo aggiustare o acquistarne uno nuovo il giorno dopo.
E’ passato un giorno, una settimana, due mesi, tre, sei…
La mia tv è sempre lì, rotta sul mobiletto.

Ho scoperto che potevo fare dell’altro. Potevo cercare informazioni, potevo vedere ciò che mi interessa davvero, nuovamente leggere i libri, vedere dei film.

Libera di scegliere, libera di scegliere con la mia testa.

Questo sì, questo no.

Non scegliere tra tot canali. Piuttosto lasciare la briglia sciolta alla fame di sapere. Cercando sul web, scartando articoli, approfondendone altri.
Uscendo a bere una birra con gli amici, fuori dalle quattro mura.
Ok, molti mi diranno che già lo fanno. Vero, aggiungo io, ma senza più tv?

Vi dirò che sono molto contenta, sento che il mio favoloso libero arbitrio può vagare e scegliere con minori restrizioni.

Non è poco, non è davvero poco.

Maria

Annunci

5 commenti su “Sospesa e libera

  1. Ciao Frullato,
    leggendo il tuo interessante post credo di poter dire che noi dobbiamo essere sempre al centro della nostra esistenza, protagonisti di ciò che facciamo.
    Nella vita come nel semplice uso nei media.
    Con la scelta di ciò che ci interessa, nel profondo, senza lasciar spazio alla routine, all’abitudine, al sottofondo.
    Come diceva Bukowski: “stiamo tutti tentando di farcela, in una maniera o nell’altra, tentando di trovare l’amore, tentando di trovare il sesso, tentando di trovare un po’ di pace e un po’ di senso prima di gettare la spugna.”
    Ma non conoscendo nulla di te non vorrei essere finito fuori tema…
    Vabbé…. 😉
    Albino

    Mi piace

  2. Credo che Bukowski attraverso l’arte del dissacrare talvolta eccedesse un poco, ma all’interno dei suoi scritti si celano molte verità. Non so se proporzionali, o meno, al livello del tasso alcoolico.
    Albino (quello di prima)

    Mi piace

  3. Bel pezzo Maria, soprattutto per l’argomento che tratti… senza scomodare Bukowsky, penso semplicemente che la TV – che io guardo ancora quotidianamente – sia un modo molto facile di acquisire informazioni su più livelli (spesso bassissimi, quindi da rigettare al volo) senza grosso sforzo. Da un lato questo può essere uno svago più che “meritato” dopo giornate piene di impegni, responsabilità, decisioni da prendere, casa, fidanzati, famiglia eccetera, eccetera, dall’altro implica una forma di dipendenza proprio perché non richiede alcuno sforzo. Credo che la soluzione sia diversa per ognuno di noi, tu hai fatto la scelta più drastica e più risolutiva e sicuramente la tua cultura e il tuo desiderio di informarti in modo indipendente e più utile per te, non potranno che migliorare. Io, dal canto mio, sono ancora schiava del diabolico schermo, ma sto imparando a ritagliarmi spazi tutti miei dove il suo interruttore è rigorosamente su OFF. Brava, bel pezzo.

    Mi piace

  4. Grazie mille per il tuo commento! Condivido appieno, ognuno è libero di fare le proprie scelte. La TV sicuramente è uno svago comodo e di questo svago ne ho goduto appieno anch’io. L’intelligenza sta anche nel pigiare OFF. La vita va vissuta in tutte le sue sfumature e non solo in funzione di uno schermo. Complimenti anonimo saggio!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...